Tutti i post in News

Mercedes Concept Coupé Suv: un’altra sorpresa

mercedes-benz-concept-coupe-cina

Il Salone di Pechino è occasione particolare per Mercedes: la rilevanza sempre maggiore assunta dalla clientela cinese, sia come numerosità che come disponibilità di spesa, induce la casa tedesca a lanciare nuovi fantastici modelli durante gli eventi che si tengono nel territorio del gigante asiatico.

Anche questa volta a fare il suo debutto è un Suv, come accadde nel 2013 con la GLA, che riscosse notevole successo come concept in una kermesse cinese.
In questo 2014 a svelare le proprie forme, quasi definitive, è un modello decisamente più abbondante ed ingombrante: si chiama Concept Coupé Suv e sarà un avversario formidabile per la BMW X6.

mercedes-concept-coupe-cerchi

Lungo 493 cm, alto 173 cm con un passo da 291 cm, questo prototipo si appoggia su immensi cerchi da 22 pollici, che però scompariranno in una prossima produzione in serie, affogati in muscolosi passaruota che svelano le intenzioni minacciose di questo modello.

Mercedes-Benz-Coupe_SUV_Concept

L’anteriore mostra grossi punti di incontro con l’attuale produzione della casa della Stella a partire dalla nuova Classe A in avanti; al posteriore una larga fascia a Led sostituisce la fanaleria, ispirandosi alla nuova classe S Coupé prossima alla messa in vendita. L’abitacolo, da quanto si riesce scorgere, è studiato per sole 4 persone che si troveranno sprofondate in un salotto lussuoso, in puro stile Mercedes.

Dal punto di vista tecnico si rileva che nel cofano è installato un 3.0 litri V6 a benzina da 333 CV e 480 Nm di coppia, abbinato ad un cambio G-Tronic Plus 9 marce e alla trazione integrale con cinque setup a scelta del conducente: Comfort, Slippery, Sport, Sport+ e Individual.

Il guanto di sfida è lanciato, ma per il momento le notizie sulla data del debutto nelle concessionarie e il prezzo di lancio sono molto fumose. Non ci resta che aspettare fiduciosi.

Articolo di Lorenzo Voleno

Dire parolacce in auto? Non è più reato…

Dire parolacce potrà sembrare maleducato ma di certo non è più reato!
La Cassazione, sezione quinta penale, con sentenza n. 15710 dell’ 8 aprile 2014 ha decretato che essere un po’ scurrili è irrispettoso ma non può considerarsi punibile.

Tutto nasce da un banale litigio in un parcheggio dove un uomo, scaldatosi un po’ troppo, si è lasciato sfuggire una frase un po’ volgare (“Mi hai ca…. il ca…”) nei confronti di una signora che aveva da ridire nei suoi confronti.

La donna, risentita per l’uso dei vocaboli, ha denunciato il suo interlocutore senza però ottenere l’esito sperato: il giudice di pace ha assolto l’uomo da tutte le accuse, definendo il suo modo di esprimersi non lesivo in questo contesto. Non soddisfatta del risultato, la parte civile ha presentato ricorso in Cassazione dove, suo malgrado, è stata decretata l’ufficiale sconfitta.

I magistrati hanno giustificato la decisione affermando che la coscienza sociale ormai diffusa si è arresa di fronte alle gratuite volgarità che, fatte circolare anche attraverso il mezzo televisivo e cinematografico, non esercitano più alcuna carica offensiva in certe situazioni. Un linguaggio basso e disinvolto è entrato, in maniera preponderante, nel modo comune di parlare; spesso le persone usano questi termini come intercalare, per gioire o per esprimere dissenso.

Questa decisione però non è del tutto nuova: il Tribunale di Sant’Angelo dei Lombardi, nel giugno 2001, aveva stabilito che l’uso di espressioni volgari, nonostante rappresentino una tipica espressione indice di inurbanità e maleducazione, non può assumere alcuna rilevanza di carattere penale.

Quindi nei litigi per parcheggi, tra condomini e tra giovani se ci lascia sfuggire qualche “parolaccia” non è poi così grave, basta non oltrepassare i limiti e non esagerare con le offese!